esclusiva

Moratti: "Ottavi, che soddisfazione. E con Lukaku lo Scudetto è possibile"

ESCLUSIVA - Moratti: "Ottavi, che soddisfazione. E con Lukaku lo Scudetto è possibile"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Stefano Porta/PhotoViews
venerdì 28 ottobre 2022, 20:14Esclusive
di Daniele Najjar

Scudetto? Si può fare. E per l'Europa, con un po' di fortuna, ci si può ancora divertire: intervenuto in esclusiva ai microfoni della redazione de L'Interista, l'ex presidente nerazzurro Massimo Moratti ha espresso tutto il suo ottimismo per il futuro della Beneamata. L'abbuffata di gol ottenuta contro il Viktoria Plzen e la conseguente qualificazione agli ottavi di Champions League hanno portato grande entusiasmo alla squadra di Inzaghi, che ora può rituffarsi nella rincorsa alla vetta in campionato, dove secondo Moratti tutto è ancora possibile.

Presidente, l'Inter è agli ottavi: quanto è grande la sua soddisfazione?

"Son felicissimo che sia andata avanti e che abbia ottenuto questi ottimi risultati. Il vero grande risultato è quello ottenuto contro il Barcellona, una bella soddisfazione aver ottenuto 4 punti contro i blaugrana. Vincere con il Viktoria Plzen invece lo davo più per assodato".

Dove può arrivare ora l'Inter in Champions?

"L'Europa va vissuta partita per partita, con grande entusiasmo. Dipenderà da tanti fattori. Innanzitutto dal sorteggio ovviamente. Poi dal momento in cui capiteranno le partite nel nostro percorso stagionale: c'è sempre una componente di fortuna. Spero ovviamente che possa andare più avanti possibile".

Con il senno di poi la società ha fatto bene a pazientare con Inzaghi?

"Assolutamente, anche nel momento di massima difficoltà mi sembrava giustissimo dargli fiducia e continuare con lui, non aveva senso mandarlo via secondo me ed ora si sta vedendo".

Con il ritorno di Lukaku è più fiducioso di una rimonta dei nerazzurri per lo Scudetto?

"Certamente, siamo comunque in una buona posizione di classifica, anche se non ottimale. E questi risultati li abbiamo ottenuti senza avere il giocatore sul quale avevamo puntato di più all'inizio dell'anno. Credo che ci sia da essere fiduciosi".

Le italiane si stanno togliendo più soddisfazioni quest'anno. 

"Credo che il Napoli abbia dimostrato di essere fortissimo, specialmente per la velocità del suo gioco che è sempre una particolarità ed un segreto per fare bene nel calcio e che fa vincere. L'Inter ed il Milan anche per la struttura del gioco che hanno avuto, bisogna sperare che continuino ad essere in forma come adesso".

Crede che Skriniar firmerà il rinnovo?

"Lo spero tanto, il Presidente dice di sì, quindi credo a lui".

E crede a Zhang anche quando dice che l'Inter non è in vendita?

"Non capisco perché non debba dire la verità: ha lui la proprietà, quindi se dice così voglio credergli".

Questione stadio: se ne parla ancora dopo più di dieci anni, da quando con lei si iniziò a discuterne...

"Lo stadio di proprietà è affascinante se per una squadra. Invece averlo in condivisione con un'altra squadra diventa più o meno la stessa cosa che esiste adesso, economicamente più facile e comodo. Posto che San Siro è uno degli stadi più belli del mondo ancora oggi e l'idea di abbatterlo non lascia indifferenti".