esclusiva

Acquafresca promuove l'Inter: "E' solo sfortunata. Lautaro? Farà tanti gol"

ESCLUSIVA - Acquafresca promuove l'Inter: "E' solo sfortunata. Lautaro? Farà tanti gol"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
martedì 9 novembre 2021, 19:45Esclusive
di Daniele Najjar

A due giorni dal termine del derby di Milano, resta l'amaro in bocca ai tifosi dell'Inter per le tante occasioni sciupate dai nerazzurri nel corso di un match che la squadra di Inzaghi non ha saputo far suo. La sosta per le Nazionali arriva dunque in un momento che vede le distanze in vetta rimaste invariate, in attesa della prossima, altrettanto fondamentale, sfida che attende Lautaro e compagni, contro il Napoli.

L'ex attaccante di Cagliari, Genoa e Bologna (nonché per diversi anni di proprietà della Beneamata), Robert Acquafresca, è intervenuto in esclusiva per la redazione de L'Interista, per parlare della Stracittadina e del momento che stanno attraversando le due milanesi.

Come escono Inter e Milan da questo derby?

"Mi sembra che se la siano giocata alla pari, si vede che entrambe sono guidate da grandi allenatori. Ho letto che al termine del match Pioli ha parlato di bicchiere mezzo pieno, mentre Inzaghi di bicchiere mezzo vuoto, questo fa un po' capire i diversi punti di vista al momento. Io ho avuto il primo come allenatore, so benissimo come sia bravo a motivare i suoi giocatori. Al di là di tutto, entrambe lotteranno per vincere. Le milanesi stanno tornando a vivere la grandezza del loro passato. L'Inter già dall'anno scorso, ora anche il Milan, passo dopo passo".

L'Inter crea tanto, ma soprattutto contro le big a volte fa fatica a portare a casa la vittoria. Come mai?

"Ridurrei il tutto agli episodi. Il calcio è fatto anche da episodi. In questo periodo sicuramente le sono girati male, ma più avanti e nel ritorno del campionato le gireranno bene. Alla fine credo che si equilibri tutto e verranno fuori i valori delle contendenti".

Cosa passa nella testa di un attaccante in un momento in cui non segna, come sta accadendo a Lautaro dopo il grande inizio di stagione?

"La differenza la fa la testa. Sicuramente anche la voglia di allenarsi, che penso non gli manchi. Deve continuare a lavorare: le qualità le ha. Deve stare tranquillo, gioca in una squadra che gioca molto bene, le occasioni arrivano e ne avrà sicuramente molte per rifarsi, quindi continuerà a buttarla dentro, farà tanti gol".

Pioli ti sta sorprendendo?

"Assolutamente no, Pioli ha già dimostrato in passato di essere un grande allenatore. Sicuramente avrà limato qualcosa, perché i migliori trovano sempre qualcosa dove migliorarsi, penso per esempio anche a Conte. Sicuramente è migliorato molto e penso che sia diventato molto bravo nella gestione del gruppo, questo si vede per il fatto che quando hai a che fare con i top player, oltre al campo devi essere veramente bravo nella gestione".

Un altro mister che conosci bene è Allegri, che ora come ora non gode di buona critica.

"Vado controcorrente: con la cessione di Cristiano Ronaldo per la Juve si è creato una sorta di anno zero. Penso che non ci sia persona migliore di Allegri per poter ripartire da un anno zero".

Per il futuro speri sempre in un ruolo dirigenziale?

"La mia idea è quella, spero che si aprano presto delle possibilità per rientrare nel mondo che più amo".