esclusiva

Pazienza: "Inzaghi l'allenatore giusto per lo Scudetto. L'Inter non sottovaluti l'Udinese"

ESCLUSIVA - Pazienza: "Inzaghi l'allenatore giusto per lo Scudetto. L'Inter non sottovaluti l'Udinese"TUTTOmercatoWEB.com
venerdì 16 settembre 2022, 12:07Esclusive
di Daniele Najjar

Ultimo sforzo prima della sosta per le nazionali: l'Udinese di Sottil è l'avversaria contro cui si misurerà l'Inter domenica alle 12:30, alla Dacia Arena. I nerazzurri sono in cerca di certezze dopo un inizio altalenante, che ha visto Lautaro e compagni raccogliere il massimo con le medio-piccole squadre e nulla con le rivali di maggior calibro già affrontate (Lazio, Milan e Bayern Monaco).

Per parlare del lunch match della settima giornata di Serie A, la redazione de L'Interista ha contattato in esclusiva l'ex centrocampista bianconero Michele Pazienza, oggi tecnico dell'Audace Cerignola, club che milita in Serie C.

Mister, l'Udinese con Sottil è partita forte. 

"Sottil conosce molto bene l’ambiente e questo lo ha in parte agevolato, ma Sottil sta facendo davvero un ottimo lavoro, è sotto gli occhi di tutti". 

Che partita si aspetta domenica?

"Contro l’Inter, pur non essendo la squadra favorita per la vittoria, credo che l'Udinese non si snaturerà troppo, manterrà invece le caratteristiche che ha mostrato fino ad ora".

A cosa dovrà prestare attenzione Inzaghi?

"Beh, l'Udinese è una squadra abituata a lottare e soffrire in modo unito. L’Inter non deve fare l’errore di sottovalutare l'avversario e dovrà essere brava a farlo per tutti i 90 minuti, senza distrazioni".

Il tecnico nerazzurro ha subito qualche critica in questo inizio. E' l'allenatore giusto per puntare alla seconda stella?

"Le critiche fanno parte del lavoro di un allenatore. Inzaghi ha già dimostrato quello che è il suo valore e credo che sia la persona giusta per puntare allo scudetto, certamente". 

Lukaku sta mancando ai nerazzurri?

"Lukaku è un giocatore importante. Tutti i giocatori importanti quando non ci sono è normale che manchino ai compagni e che la squadra cui appartengono possa perdere qualcosa, come è successo anche all'Inter".