esclusiva

PIF-Inter, Ben Jacobs: "Frenata dovuta a 4 problemi. Voci sulla chiusura? Fantasia"

ESCLUSIVA - PIF-Inter, Ben Jacobs: "Frenata dovuta a 4 problemi. Voci sulla chiusura? Fantasia"TUTTOmercatoWEB.com
venerdì 12 novembre 2021, 20:05Esclusive
di Daniele Najjar

Pif-Inter, game over? Le parole di Amanda Staveley, amministratore delegato del fondo PCP Capital Partners, che assieme al fondo Pif detiene la proprietà del Newcastle, sembrano non lasciare spazio a troppe interpretazioni: "La struttura della Serie A è disastrosa, il Fondo non è più interessato all'Inter". Ma cosa ha frenato la trattativa? E questa posizione riguardo la Serie A, potrebbe cambiare in futuro? Ne abbiamo parlato con Ben Jacobs (CBS Sports), giornalista ben aggiornato riguardo le vicende del fondo arabo.

Le parole di Amanda Staveley mettono fine alle voci su PIF all'Inter?

"Personalmente, ho sempre detto la stessa cosa sulla vicenda: PIF ha sondato l'Inter. I colloqui vanno avanti da più di un anno. Originariamente, hanno guardato agli investimenti opportunistici come minoranza, ma Suning è andata in un'altra direzione. Le parti si sono incontrate a settembre, ma le trattative non sono mai state in fase avanzata e l'idea che un'acquisizione fosse tra poche settimane ad ottobre o che potesse essere effettuata entro la fine dell'anno è fantasiosa".

Per quanto ti risulta, comunque, la situazione è irreversibile?

"Se la trattativa con il Newcastle non fosse andata a buon fine, forse le cose sarebbero andate avanti fino al punto di due diligence o più avanti ancora. Amanda Staveley ha ora confermato i colloqui in corso con l'Inter, ma ha anche affermato che il club non è più nel radar del PIF. Ti aspetteresti che lei lo dica nel suo ruolo attuale, e il PIF è molto più grande nei suoi obiettivi e obiettivi rispetto al solo Newcastle. Ma le sue parole coincidono con quanto ho raccolto dalle. Da settembre non è cambiato nulla e restano gli stessi ostacoli: la riluttanza a vendere di Suning, il prezzo, il debito del club e lo stadio (nonostante i progressi incoraggianti di recente). Le voci sono fondate su una base di verità, perché le parti hanno parlato, ma un'acquisizione non è vicina".

È vero che i club inglesi vogliono boicottare il Newcastle a causa del PIF?

"No. Gli altri 19 club manterranno un rapporto con il Newcastle dentro e fuori dal campo. Ma stanno cercando chiarezza sul motivo per cui l'acquisizione alla fine è avvenuta in Premier League. 18 club (tutti tranne il Manchester City) chiedono anche trasparenza e controllo sugli accordi commerciali con parti correlate per garantire che tutti gli accordi commerciali del Newcastle all'interno della famiglia PIF/KSA siano fatti al giusto valore di mercato. Questo è in realtà un buon problema da sostenere e la Premier League dovrebbe predisporre un regolatore indipendente e lavorare a stretto contatto con la UEFA in questo campo. Ma il fatto che gli altri club lo chiedano ora è anche una chiara reazione ai nuovi proprietari e alla ricchezza del Newcastle".

E le voci sul fondo PIF deluso di non poter investire liberamente i suoi soldi in Premier?

"Hanno appena preso il controllo, dopo una lunga attesa, quindi non sono delusi. Dovranno lavorare secondo le regole della Premier League e della UEFA. Il modello per il successo è proprio davanti a loro attraverso il Manchester City, e sperano anche di formare un forte gruppo, un progetto a lungo termine. Ciò può essere ottenuto utilizzando un club della Premier League come base. La frustrazione arriverà solo se il gruppo proprietario, e il PIF in particolare, non riusciranno a raggiungere due obiettivi chiave che si sono prefissati: entrare in Europa e promuovere l'Arabia Saudita. Il primo non è ancora una priorità poiché intanto il Newcastle deve rimanere in piedi. Ed anche il secondo non si avvererà in una notte. I proprietari hanno detto molte volte di essere pazienti, quindi sarebbe strano se da un mese fossero già delusi e non credo che sia così".

Che impatto possono avere queste controversie sui piani del PIF per il futuro?

"PIF vuole acquistare altri club. Il loro modello è simile al City Group. Ma non li vedo precipitarsi in un altro acquisto quando la loro prima avventura nella proprietà del calcio ha richiesto quasi due anni per giungere a buon fine, ha richiesto tutta la loro attenzione. Non c'è davvero una controversia a Newcastle (e se ci fosse, sarebbe più in ciò che circonda l'acquisizione piuttosto che all'interno del club stesso), solo un sacco di controllo dei media e giustamente, aggiungo. Una cosa che deve accadere è che il proprietario di maggioranza, PIF, parli con la stampa. Attualmente Amanda Staveley gestisce il club giorno per giorno, ma è proprietaria solo del 10 percento. Ma non finisce qui".

Che altro?

"Dato che i nuovi proprietari hanno parlato di trasparenza in modo così appassionato prima di assumere il controllo, e per quanto fosse anonimo il precedente proprietario Mike Ashley, il presidente Yasir Al Rumayyan deve affrontare i media e fornire risposte sui piani a lungo termine del PIF. Una volta che la reazione iniziale dell'adesione al PIF si sarà placata, potrebbe farlo ed a quel punto è probabile che venga pesantemente interrogato su una serie di argomenti calcistici e non. E giustamente".