Accadde nel mondo Inter il 9 agosto: clamorosa sconfitta in preliminare Champions League

Accadde nel mondo Inter il 9 agosto: clamorosa sconfitta in preliminare Champions LeagueTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
martedì 9 agosto 2022, 07:00Inter Story
di Tommaso De Lorenzis
fonte www.storiainter.com

CHAMPIONS LEAGUE 2000/01 - Helsingborg, 9 agosto 2000 - andata turno preliminare Champions League

Helsingborg - Inter 1-0

Helsingborg: S. Andersson, R. Nilsson, O. Nilsson, Matovac, Persson, C. Andersson, Jansson, B. Johansen, Hansson, Alvaro Santos, Wahlstedt (74’ S. Johansen). Allenatore: Bergstrand

Inter: Frey, Domoraud (46’ Macellari), Ferrari, Blanc, Cordoba, Pirlo (75’ Seedorf), Cauet, Jugovic, Brocchi, Sukur (69’ Zamorano), Keane. Allenatore: Lippi

Rete: 81’ Hansson

Arbitro: Arsic (Jugoslavia)

Note: spettatori 12.000 circa. Primo tempo avaro d’emozioni, l’Inter va al tiro con Pirlo e con Keane, ottime la parate di S. Andersson, mentre i padroni di casa sfiorano il palo con un colpo di testa di Santos. Da segnalare un possibile calcio di rigore non concesso all’Inter, al 32’, per trattenuta di Matovac ai danni di Keane e primo tempo che termina a reti in bianco. La ripresa è un poco più vivace ma di vere azioni da gol non se ne vedono, alla mezz’ora ci prova Brocchi con un tiro da fuori area e con il pallone che è deviato in calcio d’angolo da un difensore. All’80’ l’Helsingborg si conquista due calci d’angolo consecutivi e sugli sviluppi del secondo tiro dalla bandierina passa in vantaggio con Hansson il quale riprende una corta respinta di Blanc e, al volo, supera Frey. L’Inter tenta di reagire ma non si rende quasi mai pericolosa e alla fine il risultato è di 1 a 0 per gli svedesi.

EUROPA LEAGUE 2012/13 - Milano, 09 agosto 2012 - ritorno terzo turno preliminari

Inter - Hajduk Spalato 0-2

Inter: Handanovic, Jonathan, Mbaye (55’ Nagatomo), Zanetti, Ranocchia, Samuel, Guarin, Cambiasso, Coutinho (63' Longo), Sneijder (84' Silvestre), Milito. A disposizione: Belec, Mudingayi, Benassi, Livaja. Allenatore: Andrea Stramaccioni

Hajduk Spalato: Blazevic, Milic, Milovic, Vrsajevic, Andrijasevic (59' Caktas), Oremus, Vukusic, Radosevic, Jozinovic, Maloca (10' Jonjic), Vukovic (73' Lustica). A disposizione: Vugdelija, Stojanovic, Maglica, Ozobic. Allenatore: Miso Krsticevic

Reti: 23' Vukusic (r), 58' Vukovic

Arbitro: Clement Turpin (Francia)

Note: la gara è iniziata da 6' minuti e Milito ha la peggio in un contrasto aereo con Maloca, testa fasciata e gioco che prosegue con l'Inter che si accende specie con il suo capitano, che macina chilometri sulla fascia e supera avversari in velocità: al 15’ si guadagna l'ovazione del pubblico, con dribbling, cross, e calcio d’angolo guadagnato, poi al 16’ crossa basso per Coutinho, il portiere lo anticipa, e sulla ribattuta colpisce la traversa. Al 22' fallo in area di Samuel su Vukovic, calcio di rigore per gli ospiti, tira Vukusic e Hajduk sorprendentemente in vantaggio. Passano tre minuti e Milic va vicinissimo al raddoppio con un tocco di punta sotto porta, ma questa volta è perfetta la risposta del portiere nerazzurro. Al 26' Snaijder lancia Coutinho, il brasiliano sfrutta un buco della difesa avversaria e cerca la porta, la palla è troppo esterna e termina di poco a lato. Al 29’ Guarin è atterrato da Andrijasevic, calcio di punizione da un buona posizione, tira Sneijder, ma la barriera ribatte. Al 36' potente destro dalla distanza di Guarin, Blazevic non si fa sorprendere e respinge il pallone. Ultimi minuti di vero assalto nerazzurro, si contano tre occasioni di Coutinho e una di Milito, ma la palla non entra e primo tempo che termina con gli ospiti in vantaggio. Ripresa al via senza nessun cambio e con l’ Hajduk che si rende pericolosa, al 50', con una conclusione di Vukusic alla quale Handanovic si oppone con il corpo. Al 58’ però il portiere nerazzurro non può fare nulla per opporsi alla conclusione di Vukovic il quale riceve dalla destra, controlla e tira di collo pieno, pallone in rete e ospiti in vantaggio 2-0. Al 69’ calcio d’angolo per l’Inter, colpo di testa di Ranocchia e respinta sulla linea di porta da parte dei difensori dell’ Hajduk. Al 73’ tiro di Nagatomo, parata di Blazevic e al 74' è Sneijder a tirare in porta, Blazevic è attento e respinge. Al 79’ Vukusic sfiora il palo e all’ 81’ è Longo ad andare vicinissimo al gol dopo il suggerimento di Guarin. Ultimi minuti con l’Inter che riesce a controllare la partita e dopo 3' minuti di recupero, Turpin fischia la fine del match che, nonostante la sconfitta, sancisce il superamento del turno da parte dei nerazzurri.